Menta - Cascina Torrine..Agriturismo,Fattoria Didattica,Orto Amico

Vai ai contenuti

Menu principale:

Erbe Aromatiche > Elenco erbe
Menta (Mentha) (Lamiacee)

Diverse sono le specie appartenenti al genere Mentha ma non tutte vengono coltivate per il caratteristico profumo. In Italia i primi impianti risalgono alla metà del 1800 in Piemonte e nel 1870 vennero costruite le prime distillerie. Con esse la coltura della menta acquisisce un carattere industriale. Oggi resistono non molti ettari a cavallo tra le province di Torino e Cuneo.La classificazione botanica è piuttosto nebulosa a causa di ibridazione delle varie specie, per cui ci troviamo di fronte a numerosi ibridi naturali, chemiotipi ed ecotipi. Le varie specie sono raggruppate in 4 sezioni e il criterio di suddivisione è basato sul tipo di infiorescenza.
Sezione I Spicatae - M. longifolia, M. rotundifolia, M. spicata - infiorescenza a forma di spiga
Sezione II Capitae - M. aquatica - infiorescenza globosa
Sezione III Verticillae - M. verticillata - infiorescenza a verticilli ascellari
Sezione IV Pulegium - M. pulegium M. requienii - Fiori con calice bilobato e corolla a falce gibbosa.
Come abbiamo già detto, numerosissime sono le cultivar e di certo la più conosciuta è la M. Piperita nelle sue diverse forme. La M:
piperita forma pallescens, detta menta bianca per i suoi steli verdi e fiori bianchi, è una delle più antiche. Si impose in Piemonte alla fine del 1800, tanto da essere chiamata 'piemontese'. Ben presto fu soppiantata dalla M. piperita forma rubescens detta anche menta piperita rossa per i fusti di colore rosso violaceo e fiori rosa intenso, che dalla sua aveva una maggiore rusticità e una maggior quantità di olii essenziali. Questa menta introdotta nel 1903 non ha avuto sostanziali modifiche se si eccettua una caratterizzazione del gusto a causa dell'adattamento all'ambiente.Le altre specie e varietà sono meno importanti dal punto di vista industriale ma non certo dal punto di vista estetico, con forme, portamento, colore delle foglie, particolarmente interessanti per il giardino.La menta si adatta a vari tipi di terreno ma i migliori risultati si ottengono in quelli profondi, fertili, freschi ma senza ristagni idrici (esclusa la M. aquatica) e con esposizione soleggiata o mezz'ombra. Ama un'apporto continuo e regolare di acqua, perciò va scelta la posizione in giardino con particolare attenzione.Per propagarla è preferibile la via agamica e due sono i metodi fondamentali: per divisione prelevando stoloni in autunno o in primavera oppure per talea erbacea in primavera o estate, evitando i periodi di fioritura.La menta ha un utilizzo molto ampio in cucina e viene utilizzata per aromatizzare salse, aceti, verdure, ripieni, dolci, bibite thé e tisane. I suoi oli essenziali possiedono un'azione rinfrescante e perciò sono usati per dentifrici e medicine. Facilitano la digestione, riducono la flatulenza e hanno proprietà antisettiche, antiparassitarie, antivirali e sudorifiche.Qui di seguito, alcune tra le varietà più interessanti.
- alopercuroides  - aquatica - budleiana - budleiana 'Variegata' - citrata - citrata 'Eucaliptus'              - x citrata 'Eau de Cologne'  - x citrata 'Bergamotto' - cervina - gattefossei - x gentilis
- x gentilis 'Aureovariegata' - hybrida 'Ananas' - hybrida 'Anglaise' - hybrida 'Bowles ?
- hybrida 'Chinoise' - hybrida 'Krasno' - hybrida 'Kubanks' - Hybrida 'Lavanduliodora' - hybrida 'Orange'
- longifolia - longifolia 'Martha' - x piperita - x piperita 'Glacialis' - x piperita 'Maine et Loire'
- x piperita 'Mitcham' - pulegium - pulegium gibiltarica - raripila rubra - requienii - rotundifolia
- sacalinensis - smithiana rubra - spicata 'Verde' - spicata 'Carnica' - spicata 'Crispa'
- spicata 'Maroccan' - spicata 'Nana' - spicata 'Variegata' - suaveolens - suaveolens 'Fruttata'
- suaveolens 'Variegata'

Torna ai contenuti | Torna al menu